Chiariamo il primo punto: linkedin non è facebook, anche se hanno qualche strumento in comune. Sono due canali completamente differenti. Su linkedin non è assolutamente il caso pubblicare la foto del tuo cane mentre afferra il frisbee al volo (un fenomeno!) o il selfie con gli amici al pub. Insomma, due contenuti irrilevanti per i tuoi contatti che hanno scelto di seguire le tue qualità professionali.

In parole povere su facebook cazzeggi tranquillamente, su linkedin devi ogni santo giorno fortificare la tua presenza da professionista.

Andiamo avanti. Passo 2. La tua rete ti segue perchè ti riene un esperto nel tuo settore di nicchia. Se sei un Social Media Marketer non credo che il post su come curare una piantina bonsai crei engagement. Non interessa a nessuno, o quasi!

Passo 3: scopri, tramite gli analytics della piattaforma, quali sono gli argomenti più apprezzati.

In parole povere devi condividere contenuti e creare discussioni in base alla tua rete.

 

Cosa condividere su linkedin:

La piattaforma permette di pubblicare del semplice testo, foto, video, link. Cosa pubblicare?

1) Post del proprio blog o di altri (controlla però la veridicità della fonte). Condividi l’articolo avviando la discussione.

2) Pulse (leggi i miei articoli): evita di mozzare i post del blog e costringere il tuo contatto a uscire dalla piattaforma (tranquillo, condividerà il post anche su twitter e altri canali).

3) Quotes di professionisti famosi con tanto di parere personale. Di seguito un esempio:

cosa pubblicare su linkedin esempio quote

4) Avviare una semplice discussione per chiedere un parere alla propria rete.

5) Annunci di lavoro sia della tua azienda che di altri (sii utile!).

6) Raccontare eventi aziendali attraverso foto e video.

7) Presentare progetti (in lavorazione o lancio ufficiale).

8) Condividere interviste interessanti.

9) Promuovere il proprio ebook/corso/libro.

10) Divulgare Infografiche utili.

Stesso discorso per i gruppi. Non cambia assolutamente nulla, tranne per l’accesso agli analytics.

 

Quando e quanti post bisogna pubblicare su linkedin?

Secondi studi Americani max 20 al mese (1 al giorno dal lun al ven) ma personalmente preferisco 3-4 al giorno dato la vastità della mia rete. A che ora? Durante le ore e giorni lavorativi ma non è una regola fissa.

 

In Conclusione:

Sii utile al tuo network. I tuoi contatti decidono di seguirti perchè sei interessante, in gamba, sempre aggiornato, utile per aiutarli a crescere professionalmente. Perchè condividi contenuti rilevanti!

Ora hai capito la vera differenza tra facebook e linkedin, il social dei professionisti?

Di solito cosa preferisci condividere? Attendo con piacere un tuo commento:

Michelangelo Giannino
Follow me

Michelangelo Giannino

Founder di Fusion Lab09
Social Media Manager/Strategist - Community Manager - Digital Strategist at Genesis Mobile Italia (progettiamo le migliori soluzioni Digital & Mobile Marketing). Amo aiutare le aziende e professionisti a distinguersi dalla concorrenza, rafforzare (o creare) la propria presenza on/offline, aumentare le vendite, farsi amare dai propri clienti e trovarne di nuovi.
Michelangelo Giannino
Follow me
Michelangelo Giannino
Michelangelo Giannino
Social Media Manager/Strategist - Community Manager - Digital Strategist at Genesis Mobile Italia (progettiamo le migliori soluzioni Digital & Mobile Marketing). Amo aiutare le aziende e professionisti a distinguersi dalla concorrenza, rafforzare (o creare) la propria presenza on/offline, aumentare le vendite, farsi amare dai propri clienti e trovarne di nuovi.


L'utilizzo del contenuto di questo articolo è soggetto alle condizioni della Licenza Creative Commons. E' consentita la distribuzione, la riproduzione e la realizzazione di opere derivate per fini non commerciali a patto che venga citata la fonte. E' vietata la riproduzione delle immagini anche solo in parte

Share
Selezionato come uno dei Top 10 Linkedin Most Engaged Marketers in Italia del 2015Leggi