Tutto sull’ice bucket challenge: un fenomeno virale di grande successo contro la SLA

Ice bucket challenge, tradotto in “sfida del secchio ghiacciato” è un fenomeno virale di successo, co-fondato da Corey Griffin (morto annegato pochissimi giorni fa) per combattere la Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA). Più di 40 milioni di dollari raccolti in meno di un mese (10 in sole 24 ore).

La SLA (Sclerosi laterale amiotrofica) è una grave malattia neurologica che colpisce la capacità di muoversi. Per saperne di più clicca qui.

Lo scopo dell’Ice bucket challenge è quello ovviamente di raccogliere fondi, ma anche diffondere consapevolezza della rara malattia diffusa soprattutto tra gli uomini di ogni razza età compresa tra i 40 e i 60 anni.

 

Cosa ne pensano i diretti interessati:

– Cosa significa davvero l’Ice bucket challenge, secondo un ragazzo malato di Sla (video). Leggi.
– La moglie di un uomo con la SLA commenta l’iniziativa dell’Ice Bucket Challenge, a sostegno della ricerca per curare la malattia. Leggi.

 

In cosa consiste?

“La sfida invita le persone a farsi una doccia con un secchio di acqua ghiacciata e documentare il tutto con un video. Postare il video sui social media, poi nominare qualcuno a fare lo stesso, per far crescere l’interesse nei confronti della SLA. Le persone possono accettare la sfida o fare una donazione di 100 dollari per sostenere la lotta contro la SLA, o fare entrambe le cose.”

 

Perchè il ghiaccio?

Paralizza (per pochi istanti) i muscoli del corpo, proprio come accade per i malati di SLA restando comunque coscienti. Mettersi nei panni, anche se pochi secondi, di chi vive ogni santo giorno la SLA.

 

Regole:

1) acqua + cubetti di ghiaccio
2) nominare 3 persone da sfidare
3) entro 24 ore chi è stato sfidato deve rovesciarsi addosso il secchio di acqua gelata e nominare a sua volta altre 3 persone. Se non si accetta la sfida bisogna fare una donazione di 100 dollari.

 

Anatomia di un video:

1) Ringraziare l’amico per essere stati nominati.
2) Che cos’è la SLA.
3) Invito a donare + link del sito.
4) Ghiaccio versato nel secchio d’acqua.
5) Acqua gelata versata sulla testa.
6) Nominare 3 persone.

 

Numeri:

8,6 milioni di dollari in 24 ore, per un totale di 31,5 milioni di dollari donati nel periodo che va dal 29 luglio al 19 agosto 2014. Nello stesso periodo del 2013 sono stati raccolti 1,9 milioni di dollari. Facebook raccoglie 28 milioni di persone hanno partecipato alla conversazione e sono stati condivisi oltre 24 milioni di video.

 

 

 

 

La samsung ha approfittato della moda del momento per lanciare un cellulare con il nome della campagna benefica. Uno scherzo? Sciacallaggio? Mha!

 

e chi ha ironicamente realizzato un costume per halloween.

o la solita “magia” del mitico Zach King:

 

Probabilmente il video di Mark Zuckerberg ha portato in Italia il nuovo fenomeno virale:

 

Risposta di Bill Gates:

 

Una nomination particolare:

Shakira e Piquè hanno nominato Papa Francesco. Polemiche e ironie sul web non sono mancate.

Di seguito la risposta del Papa:

risposta papa francesco ice bucklet challenge

 

Non potevano mancare i “controcorrente”, coloro che NON hanno accettato la sfida. Eccone qualcuno.

 

Come nasce il fenomeno? Lo riporta wikipedia.

Fobes spegne le polemiche “sull’harlem shake del 2014” (secondo mashable) e condivide il suo punto di vista.

 

Perchè l’ice bucket challenge è diventato un fenomeno mondiale? La mia opinione:

1) è per una giusta causa: quando si tratta di beneficenza e sfide la gente non si tira indietro.
2) scoprire gli sfidanti: curiosi di conoscere quale amico o vip sono stati nominati.
3) divertente: è divertente vedere le reazioni delle persone sfidate.
4) creatività: molti hanno scelto metodi/luoghi creativi per rovesciarsi l’acqua congelata.

 

Alcuni non hanno seguito le regole. Ecco le eccezioni:

– Sir Patrick Hawes Stewart:

– Charlie Sheen:

 

Lista partecipanti italiani.

Hanno accettato la sfida:
1) The Jackal
2) Gigi D’alessio
3) Giorgia
4) Matteo Renzi
5) Andrea Agnelli
6) Alessandra Amoroso
7) Belen Rodriguez
8) Marco Mengoni
9) Michelle Hunziker
10) Andrea Bocelli
11) Elisa
12) Fiorello
13) Laura Pausini
14) Mario Balotelli
15) Antonio Cassano
16) Valentino Rossi
17) Jovanotti
18) Elisabetta Canalis
19) Alessandro Del Piero
20) Maria De Filippi
21) Adriano Celentano
22) Clementino
23) Jerry Calà
24) Alessandro Siani
25) Vladimir Luxuria
26) Marco Materazzi
27) Roberto Baggio
28) Gianni Morandi
29) Leonardo Pieraccioni
30) Tiziano Ferro
31) Adriano Galliani
32) Ferrero Pres. Sampdoria
33) Luciana Littizzetto
34) Fabio Fazio
35) Checco Zalone

 

Quanto denaro hanno donato gli Italiani?

 

Chi è stato il più creativo? Direi Jovanotti:

 

Vignetta:

vignetta ice bucket challenge

 

Realisti:

– Kledi. Guarda il video su facebook.
– spreco di acqua.
– mettersi in mostra senza neanche conoscere la malattia in questione, lo scopo della campagna.
– “Molti dei partecipanti spendono più soldi in buste di ghiaccio che per la ricerca sulla ALS. Per quanto riguarda ‘sensibilizzare il pubblico,’ sono pochi i video che ho visto che presentano informazioni effettive sulla malattia, sul perché servono i soldi, o su come verranno usati. Più che altro, i video dell’ice bucket sembrano più un esercizio sul sensibilizzare il pubblico su quanto uno sia eccentrico, altruista e/o attraente in una T-shirt bagnata”. Link articolo.

Forse hanno ragione ma conta il risultato finale: milioni di dollari raccolti. Anche se il nominato non ha donato neanche un 1 dollaro ha comunque contribuito ad alimentare il passaparola. Ognuno, in qualche modo, ha contribuito alla causa!

Esistono tante altre malattie più diffuse è vero, ma, da qualche parte, bisognava pure cominciare.

Beneficenza, video, hashtag, vip, social network e viralità. Il successo dell’ ice bucket challenge. L’harlem shake.. ormai.. è solo un ricordo!

 

Link per fare una donazione:

Alsa.org
Aisla.it

Cosa ne pensi? Con la fine dell’estate il fenomeno virale cesserà?

Photo credits: time.com

Michelangelo Giannino
Follow me

Michelangelo Giannino

Founder di Fusion Lab09
Social Media Manager/Strategist - Community Manager - Digital Strategist at Genesis Mobile Italia (progettiamo le migliori soluzioni Digital & Mobile Marketing). Amo aiutare le aziende e professionisti a distinguersi dalla concorrenza, rafforzare (o creare) la propria presenza on/offline, aumentare le vendite, farsi amare dai propri clienti e trovarne di nuovi.
Michelangelo Giannino
Follow me
Michelangelo Giannino
Michelangelo Giannino
Social Media Manager/Strategist - Community Manager - Digital Strategist at Genesis Mobile Italia (progettiamo le migliori soluzioni Digital & Mobile Marketing). Amo aiutare le aziende e professionisti a distinguersi dalla concorrenza, rafforzare (o creare) la propria presenza on/offline, aumentare le vendite, farsi amare dai propri clienti e trovarne di nuovi.


L'utilizzo del contenuto di questo articolo e' soggetto alle condizioni della Licenza Creative Commons. E' consentita la distribuzione, la riproduzione e la realizzazione di opere derivate per fini non commerciali a patto che venga citata la fonte. E' vietata la riproduzione delle immagini anche solo in parte

Share
Selezionato come uno dei Top 10 Linkedin Most Engaged Marketers in Italia del 2015Leggi