Vuoi migliorare la visibilità dei post del blog? Segui i miei 12 consigli

Saper scrivere un buon articolo non basta! E’ importante, ma fondamentale è saperlo diffondere. Come aumentare la visibilità dei post?

1) Scrivere un titolo accattivamente.

Ovunque verrà condiviso, il titolo del post è generalmente il primo elemento che attira l’attenzione del pubblico. Su alcuni canali social la thumb della cover (emozionante) è minuscola (tipo linkedin), su altri attira più del titolo (tipo facebook). Ormai molti blogger tendono a scrivere il titolo anche sulla gigantesca cover, merito anche dei template wordpress che danno molta importanza alle immagini!
La tecnica del “titolo accattivamente” è spesso abusata. Mi spiego. Il lettore, attirato dai superlativi e segreti da svelare, apre l’articolo e.. sorpresa: non mantiene la promessa data dal titolo. Bouce Rate al top!

Anche l’argomento scelto fa la sua parte, soprattutto se l’articolo risolve problemi oppure offre info attraverso una storia.

 

2) Description.

Cura anche la description. Il lettore più attento noterà la description o nella SERP Google o in piccolo in qualche canale social. E’ sempre una possibilità in più per spingere il lettore a cliccare sul titolo/thumb.

 

3) Ottimizzazione SEO.

Come non ottimizzare un articolo SEO? Google Search ti aiuterà soprattutto se hai fatto un bel lavoro. L’articolo deve essere però ottimizzato prima di tutto per il lettore. Keyword nel titolo, nella descrizione, introduzione, nel corpo e tag “alt” delle immagini.

 

4) Cover.

La thumb della cover su molti social attira più del titolo testuale. Riesce a emergere dai tanti elementi che trafficano sullo stream del proprio account social. Inutile ricordarti che le immagini generano un alto tasso di engagement.

 

5) Bottoni di social share.

Dai la possibilità di diffondere gli l’articoli sui tanti canali social, se non addirittura di poterlo inviare via email ai propri amici. Posizionalo in fondo oppure di lato mentre segue il lettore durante lo scorrimento della pagina. Ti consiglio di evidenziare il blocco dei pulsanti social, magari con una call to action e spazio bianco attorno.

 

6) Plugin wordpress “Click to tweet”.

Questo fantastico plugin ti permette di valorizzare una citazione e di dare la possibilità di poterla condividere su twitter. Il tweet è strutturato in questo modo: citazione, link (esteso) dell’articolo e nik del tuo account social.

Esempio: Scorri l’articolo “Le 12 convinzioni sbagliate su facebook: miti da sfatare” e nota la citazione “Non è saggio copiare gli altri, anzi, bisogna diversificarsi, emergere dalla massa”

Clicca qui per scaricare il plugin wordpress Click to tweet

 

7) Citare altri blogger/influencers.

Regolarmente quando usi una frase, una foto o materiale di un altro blogger è d’obbligo una citazione che indirizza al suo sito più un ringraziamento. Non solo gli farà piacere ma probabilmente potrebbe condividere il tuo articolo (se di qualità ovviamente) sui suoi canali social.

 

8) Condividere l’articolo su Scoop.it

Scoop.it forse è ancora poco conosciuto in Italia ma posso assicurarti che nel tempo porterà visite al tuo blog oltre alla visibilità/notorietà. Ne parlo in questo articolo: “Scoop.it per ottenere visibilità online: panoramica, benefici e come usarlo

 

9) Condividere sui tuoi canali social.

Scontato vero? Ovviamente si ha qualche visualizzazione/share in più se hai già una vasta rete che ti “ascolta”. Il mio consiglio è: trova la tua nicchia. Linkedin (gruppi) e twitter sono i canali che veicolano maggior traffico verso http://www.fusionlab09.com/blog/

 

10) Ricondividi gli articoli dopo un tot di tempo.

E’ un “trucco” vecchio come il mondo. Attenzione, prima di ricondividerlo, assicurati che l’argomento riproposto non sia molto obsoleto. Tratti il Social Media Marketing? Come ben sai i social si evolvono velocemente. Oggi ci “regalano” delle funzionalità fantastiche, 7-8 mesi dopo non esistono più. Rileggilo e magari miglioralo!

 

11) Newsletter.

Invia i tuoi articoli settimanali/mensili direttamente sulla casella di posta degli iscritti attraverso una newsletter. Mailchimp è lo strumento adatto a te.

 

12) Infografiche.

L’infografica in pratica raccoglie e mostra le informazioni in forma visuale. Statistiche, guide, mappe concettuali, grafici. Ogni infografica contiene sul footer il link diretto all’articolo o semplicemente l’url della home del sito. Pubblica la tua infografica su pinterest, slideshare o canali creati appositamente per raccoglierle.

Ecco la mia: “INFOGRAFICA: caratteristiche di un community manager

Conosci altri metodi per aumentare la visibilità dei post? Se l’articolo ti è stato utile ringraziami condividendolo sui tuoi canali social.

Michelangelo Giannino
Follow me

Michelangelo Giannino

Founder di Fusion Lab09
Social Media Manager/Strategist - Community Manager - Digital Strategist at Genesis Mobile Italia (progettiamo le migliori soluzioni Digital & Mobile Marketing). Amo aiutare le aziende e professionisti a distinguersi dalla concorrenza, rafforzare (o creare) la propria presenza on/offline, aumentare le vendite, farsi amare dai propri clienti e trovarne di nuovi.
Michelangelo Giannino
Follow me
Michelangelo Giannino
Michelangelo Giannino
Social Media Manager/Strategist - Community Manager - Digital Strategist at Genesis Mobile Italia (progettiamo le migliori soluzioni Digital & Mobile Marketing). Amo aiutare le aziende e professionisti a distinguersi dalla concorrenza, rafforzare (o creare) la propria presenza on/offline, aumentare le vendite, farsi amare dai propri clienti e trovarne di nuovi.


L'utilizzo del contenuto di questo articolo e' soggetto alle condizioni della Licenza Creative Commons. E' consentita la distribuzione, la riproduzione e la realizzazione di opere derivate per fini non commerciali a patto che venga citata la fonte. E' vietata la riproduzione delle immagini anche solo in parte

Share
Selezionato come uno dei Top 10 Linkedin Most Engaged Marketers in Italia del 2015Leggi