Le 10 peggiori assurdità che io abbia mai sentito in 5 anni di Social Media Marketing

In quasi 5 anni di social media marketing ho letto e sentito tante assurdità su come gestire brand page facebook e raccimolare fan. Ho deciso così di elencare le peggiori 10.

Eccole:

1) “Non c’è budget da spendere per investire tempo nel misurare i risultati. E poi è inutile”.
Misurare i risultati è inutile? Quando il budget è poco ogni cosa (soprattutto importanti) diventa inutile. Non lamentiamoci se poi i risultati non arrivano o peggio: porsi come obiettivo raggiungere un tot di fan entro il mese X (obiettivo INUTILE!).

2) “Cancella il commento negativo, meglio non alimentare la critica e alzare un gran polverone”. Il fan non è stupido, potrebbe arrabbiarsi ancora di più. E se la critica è di un influencer? Reputation in pericolo! Meglio capire il problema e risolverlo. Può anche essere che il fan abbia torto. In caso contrario si chiede scusa e si cerca di soddisfare la lamentela. E’ sempre la soluzione migliore.

3) “Inventati i contenuti. Scrivi cose belle sull’azienda”.
Quindi la sincerità, lealtà e trasparenza le buttiamo nella spazzattura? Le persone capiscono se il brand mente. In questo modo si tradisce la fiducia che il pubblico nutre nei confronti del marchio gettando al vento anni di duro lavoro.

4) “Investo sui social per aumentare il fatturato. Le cose non vanno bene in questo periodo”.
E’ la cosa più assurda che io abbia mai sentito. Purtroppo è una convinzione che vaga inutilmente nella testa di molti. Leggi l’articolo “Facebook per vendere? No, fai branding!

5) “Pubblica tanti contenuti al giorno così la gente mette tanti MI PIACE”.
Due cavolate in una sola frase. Pubblicare TANTI contenuti al giorno significa essere segnalati come spam o peggio: perdere fan o leggere tanti commenti negativi. L’obiettivo è riceve tanti MI PIACE sui contenuti per acquisire visibilità? E’ un obiettivo molto limitato. Mai sentito parlare di engagement?

6) “Acquistiamo fan così facciamo prima a raggiungere X fan entro il mese Y e il cliente sarà fiero di noi”. Ottima “strategia” per aumentare il contatore del MI PIACE. Sei un genio! Non hai compreso il Social Media Marketing ma soprattutto le esigenze del tuo cliente. Leggi l’articolo “Acquistare fan: 6 motivi per non farlo

7) “Ho aperto un profilo privato così faccio prima a raggiungere tanti fan, sono profilati e mando gli sconti direttamente in posta privata”.

– Punto 1: è contro il regolamento avere un profilo privato per rappresentare un’azienda.
– Punto 2: i fan solo coloro che hanno scelto di seguire un brand cliccando sul pulsante MI PIACE.
– Punto 3: inviare pubblicità via MP si rischia seriamente di essere segnalati come spam, rovinando la reputazione della tua attività.

8) “Registra l’azienda su tutti i social così colpiamo qualsiasi utenza e dato il basso budget facciamo il cross posting”.
Fantastico. Pubblico un post su facebook e in automatico/copio-incollo sugli altri canali. Tanto che importa se poi molti canali aziendali sono deserti.

E’ uno spreco di tempo investire su canali dove il tuo target non è presente. Leggi l’articolo “Perchè il cross posting è da evitare come la peste: 4 motivi” e “Come scegliere il giusto canale social per un brand

9) “Abbiamo poco budget per investire tempo nel rispondere ai commenti. Per ogni post hai solo 2min 13secondi e 24 centesimi di tempo”. A mio parere una regola importante del community manager è: rispondere a tutti i commenti tempestivamente soprattutto quando si tratta di CRM e critiche. Non si può stabilire a priori quanto tempo bisogna dedicare per ogni singolo post. Riduciamo la quantità dei post ma mai su quante volte rispondere ai commenti. Il fan e soddisfare i suoi bisogni sono le cose più importanti!

10) “Non abbiamo budget. Crea un profilo privato, raggiungi i 5000mila contatti e poi converti il profilo in fan page. Facciamo anche prima”. Strategia (si fa per dire) spesso adottata ma non farà bene al brand in questione, soprattutto se il contatto scoprirà di essere diventato fan di una pagina senza saperlo. Perchè rischiare di ricevere tanti bei commenti negativi sulla paginetta nuova di zecca?

 

In conclusione

L’ignoranza, il basso budget e pensare solo al fatturato portano i “professionisti” a usare nel peggiore dei modi i social.

Pensano di essere furbi ma si ritroveranno invece a raccogliere le briciole della reputazione del brand fatta a pezzi da fan giustamente incavolati.

Michelangelo Giannino
Follow me

Michelangelo Giannino

Founder di Fusion Lab09
Social Media Manager/Strategist - Community Manager - Digital Strategist at Genesis Mobile Italia (progettiamo le migliori soluzioni Digital & Mobile Marketing). Amo aiutare le aziende e professionisti a distinguersi dalla concorrenza, rafforzare (o creare) la propria presenza on/offline, aumentare le vendite, farsi amare dai propri clienti e trovarne di nuovi.
Michelangelo Giannino
Follow me
Michelangelo Giannino
Michelangelo Giannino
Social Media Manager/Strategist - Community Manager - Digital Strategist at Genesis Mobile Italia (progettiamo le migliori soluzioni Digital & Mobile Marketing). Amo aiutare le aziende e professionisti a distinguersi dalla concorrenza, rafforzare (o creare) la propria presenza on/offline, aumentare le vendite, farsi amare dai propri clienti e trovarne di nuovi.


L'utilizzo del contenuto di questo articolo e' soggetto alle condizioni della Licenza Creative Commons. E' consentita la distribuzione, la riproduzione e la realizzazione di opere derivate per fini non commerciali a patto che venga citata la fonte. E' vietata la riproduzione delle immagini anche solo in parte

Share
Selezionato come uno dei Top 10 Linkedin Most Engaged Marketers in Italia del 2015Leggi